UNO SGUARDO AL PASSATO CI AIUTA A GUARDARE AVANTI

Ci affidiamo ancora alla nostra tradizione leggendaria.

Abbiamo iniziato a costruire auto nel 1927, convinti che nessun altro fosse in grado di costruirle sufficientemente robuste e sicure per la rete stradale svedese. Strada facendo, abbiamo introdotto dozzine di innovazioni, alcune delle quali hanno cambiato il mondo. Ed è questo impegno che ci fa andare avanti verso la prossima grande innovazione targata Volvo.

Le auto nei dettagli

Dalla primissima Volvo ÖV4, soprannominata «Jakob», usiamo materiali della migliore qualità, per creare auto che godono di grande rispetto, non solo per la loro durevolezza, ma anche per l'eccellente qualità.
 


Maggiori informazioni

Decenni di innovazioni

Alcune delle nostre innovazioni hanno letteralmente cambiato il mondo: da quando Nils Bohlin introdusse la cintura di sicurezza a tre punti nel 1959, si stima che un milione di vite siano state salvate.   E la nostra sonda lambda, che ha ridotto le emissioni nocive del 90%, ora è installata su quasi ogni auto del mondo.  



Maggiori informazioni

Le persone al primo posto

È vero che il punto di partenza di ogni cosa che facciamo è la persona, per cui siamo fieri dei grandi personaggi che hanno fatto di Volvo Cars quello che è adesso, a partire dai nostri fondatori nel 1927, Assar Gabrielsson e Gustaf Larson, fino ad arrivare al designer Pelle Petterson, che ha progettato l'iconica P1800.

Costruita per l'automobilismo

Una volta scoperto che le Volvo sanno anche essere cattive, gli appassionati hanno cominciato a partecipare ai rally, e nel 1965 una PV544 ha vinto il Safari Rally. Dopo quell'acclamato trionfo, una 122S Amazon vince, lo stesso anno, il Rally dell'Acropoli. E nel 1994, Volvo Cars ha sbalordito il mondo dell'automobilismo come primo team costruttori in assoluto a far gareggiare una station wagon: la 850.

Volvo nei film

Chi guida una Volvo, specialmente nel Nord America, è visto come intellettuale, di livello accademico, dai gusti spiccatamente raffinati, e questo emerge anche nei film. Nella commedia drammatica «La neve nel cuore», che narra le vicende di una famiglia nel New England, ogni membro della famiglia (benestante) guida praticamente una Volvo. E nei film drammatico-intellettuali «Parole d'amore» e «1 chilometro da Wall Street», i protagonisti guidano delle station wagon Volvo. E chi può mai dimenticare la favolosa P1800 bianca nella fortunata serie televisiva britannica «Il santo».