News
  • La filosofia del design secondo Thomas Ingenlath: «Liberare tutto il potenziale del marchio Volvo»

    29.08.2013
    La filosofia del design secondo Thomas Ingenlath: «Liberare tutto il potenziale del marchio Volvo»
    Zurigo Per quasi un anno Thomas Ingenlath, Senior Vice President of Design in seno al Volvo Car Group, ha lavorato «a porte chiuse». Ora è arrivato il momento di svelare il segreto e presentare i primi risultati del suo lavoro.

     

    «Quando nel 2012 sono arrivato da Volvo, l'azienda si trovava già in un frenetico processo di trasformazione e sviluppo. Insieme al mio team mi sono concentrato a reinterpretare il linguaggio del design di Volvo contribuendo a guidare questo marchio prestigioso nella direzione giusta», spiega Ingenlath.

     

    Volvo, l'immagine del marchio e il nuovo linguaggio del design in un'intervista a Thomas Ingenalth.

     

    Perché Volvo?

    «Tutti quelli che mi conoscono diranno: Volvo è il marchio perfetto per te. A me non è mai piaciuto ciò che piace agli altri, non amo il design sbrigativo o sguaiato. Mi piace riflettere ed esplorare gli elementi intellettuali che si celano sotto la superficie. Se lo si fa in modo corretto, l'estetica si rivela da sola.

     

    Volvo è un marchio con una storia straordinaria e grandiosa, e mette l'uomo al centro di tutto. Creare un nuovo design in grado di riprendere i valori intrinsechi del marchio per riposizionarli ad un livello di gamma ancora più elevato è una sfida avvincente.»

     

    Qual è la sua visione del design scandinavo?

    «Dato che Volvo è l'unico marchio automobilistico rimasto in Svezia, per definizione siamo l'unico costruttore di automobili in grado di inventare un design scandinavo. La sfida risiede nel crearne un'interpretazione moderna e accattivante.

     

    Per me il design scandinavo di Volvo è strettamente legato ai valori della società svedese e del suo stile di vita. Ma non basta integrare semplicemente degli elementi di design in un'auto. Dobbiamo captare lo spirito e l'essenza che rendono il design scandinavo cosi particolare e integrarli poi nel design dei veicoli.»


    Qual è il suo approccio?

    «Il design scandinavo diventa attraente solo quando si contraddistingue per la precisione e l'amore per i dettagli. Un'esecuzione meticolosa e una qualità costantemente elevata costituiscono le premesse necessarie per affermarsi tra i grandi costruttori di alta gamma.»

     

    Ci illustri la nuova filosofia del design di Volvo.

    «Il design di Volvo è stato da sempre espressione di un senso di autorità naturale. Noi vogliamo sottolineare questo lato placido, intelligente e forte del marchio rendendolo più moderno ed espressivo. La Volvo Concept Coupé ne è un ottimo esempio.

     

    La vita all'aperto rappresenta un elemento importante nello stile di vita svedese. Noi consolidiamo il forte legame tra Volvo e la natura in modo tale che la funzionalità diventi un'emozione. Come un esclusivo piumino d'oca, così i nostri veicoli uniscono alta qualità e consistenza.

     

    La creatività ha sempre fatto parte della società svedese, sia nel campo del design e della tecnologia che in quello della moda, della musica e dell'arte. È da qui che prendiamo ispirazione per creare adesso una nuova concezione di lusso alla portata di tutti. Nelle nostre auto si rispecchia con grande emozione l'anima svedese.»

     

    Quali vantaggi offre a un designer la nuova Architettura di Prodotto Scalabile?

    «La nuova architettura ci permette di concepire le proporzioni adatte a creare un design di alta gamma. La distanza tra il cruscotto e l'asse anteriore è maggiore rispetto a tutte le altre piattaforme su cui ho lavorato in passato. Con queste proporzioni ci posizioniamo tra i marchi leader di mercato nel segmento premium. 

     

    Il punto d'anca ne è un altro esempio: è abbastanza basso da poter progettare una berlina slanciata dal profilo basso senza compromettere lo spazio per la testa.»

     

    Quali sono gli elementi principali del nuovo design?

    «Tutti i grandi marchi hanno bisogno di una caratteristica che li renda unici. I modelli futuri saranno caratterizzati da un logo di Volvo più distintivo, posizionato nella calandra flottante, incorniciata da luci a LED a forma di T. Altri importanti elementi di design sono il cofano motore più grande e accentuato, la linea di cintura che si tende come un arco raffinato tutto intorno al veicolo e le spalle pronunciate che fluiscono nelle linee dei fari posteriori. Tutti questi elementi contribuiscono a creare un'immagine dal carattere deciso, la cui semplicità – all'interno e all'esterno – crea un forte legame con lo stile di vita scandinavo.»

     

    A proposito, com'è configurato l'abitacolo?

    «Ci basiamo sul livello premium della Volvo V40. Grazie alla nuova interfaccia utente con un grande touchscreen integrato nella console centrale, possiamo rinunciare quasi a tutti i tasti e i pulsanti. Questa semplicità si trova in perfetta armonia con la tradizione del design scandinavo. Ci consente di liberare le superfici e creare un abitacolo di lusso dalle forme assolutamente inedite.

     

    Siamo così in grado di mantenere la promessa del nostro marchio, che consiste nell'offrire a chi guida una Volvo la sensazione di essere speciale, e lo facciamo integrando elementi classici lavorati a mano e dettagli sorprendenti e distintivi.»


    Due parole per concludere?

    «Quando sono arrivato da Volvo l'anno scorso, ho messo a confronto la mia visione del marchio con l'opinione di esperti di marchi e design di tutto il mondo. Molti hanno menzionato la parola 'sicurezza'. Alcuni hanno paragonato la nostra immagine alla 'vaniglia' – un gusto gradevole, ma niente di ché. Le assicuro che i 'giorni della vaniglia' sono finiti. Date uno sguardo alla nostra Volvo Concept Coupé: quello sarà il 'gusto' di Volvo in futuro.»

    Per quasi un anno Thomas Ingenlath, Senior Vice President of Design in seno al Volvo Car Group, ha lavorato «a porte chiuse». Ora è arrivato il momento di svelare il segreto e presentare i primi risultati del suo lavoro.
    Indietro