News & eventi
  • Volvo Auto presenta in anteprima mondiale a Ginevra la tecnologia Cyclist Detection con frenata automatica completa

    05/03/2013

    La nuova funzionalità è un'estensione dell'attuale tecnologia di rilevamento e frenata automatica che, in abbinamento a quest'ultima, sarà disponibile con il nome di Pedestrian & Cyclist Detection con frenata automatica completa. Tutte le vetture dotate di sistema di rilevamento dei pedoni includeranno anche la funzione di rilevamento ciclisti.

    "In quanto leader nella sicurezza automobilistica, siamo stati i primi nel settore a proporre le tecnologie di rilevamento e frenata automatica - dal dispositivo di supporto alla frenata d'emergenza di prima generazione presentato nel 2006 al rilevamento pedoni con frenata automatica completa del 2010," ha dichiarato Doug Speck.

    Contrasta gli incidenti

    In base ai dati ufficiali, circa il 50% degli incidenti in cui muore un ciclista in Europa vede coinvolta un'automobile - una cifra che la nuova tecnologia di Volvo per il rilevamento di pedoni e ciclisti si propone di ridurre.

    Un nuovo software avanzato che consente una più rapida elaborazione delle immagini ha reso possibile l'estensione dell'attuale tecnologia di rilevamento e frenata automatica anche ad alcune situazioni che vedono coinvolti i ciclisti.

    "Le nostre soluzioni di evitamento delle collisioni con utenti della strada non all'interno di una vettura sono uniche nel settore. Con l'ampliamento della gamma di oggetti e situazioni gestite andiamo a rafforzare il nostro primato mondiale nell'ambito della sicurezza automobilistica. In questo modo continuiamo ad avvicinarci al nostro obiettivo a lungo termine, ovvero quello di progettare e costruire automobili che azzerino la probabilità di incidente," ha spiegato Doug Speck.

    Frenata automatica

    Quella del ciclista che viaggia sulla stessa corsia e di colpo sterza davanti al muso dell'auto è una tipologia di incidente coperta dal sistema Pedestrian & Cyclist Detection con frenata automatica completa, che sarà disponibile sui modelli Volvo V40, S60, V60, XC60, V70, XC70 e S80 a partire da metà maggio 2013.

    L'avanzato sistema a sensori effettua una scansione dell'area davanti all'auto. Se un ciclista che sta viaggiando nella stessa direzione della vettura devia bruscamente immettendosi sulla traiettoria dell'auto che sopraggiunge da dietro e la collisione è imminente, il sistema emette immediatamente un segnale d'allarme e applica tutta la potenza frenante disponibile.

    La velocità di marcia dell'automobile è determinante per l'esito di un incidente: più è ridotta, più si riduce il rischio di lesioni gravi.

    Interazione fra telecamera e radar

    Il sistema di Pedestrian & Cyclist Detection con frenata automatica completa è composto da un'unità radar inserita nella griglia frontale dell'auto, una telecamera posta davanti allo specchietto retrovisore interno e una centralina di controllo. Il radar ha la funzione di rilevare gli oggetti davanti all'auto e determinarne la distanza. La telecamera determina di che tipo di oggetti si tratta. Grazie al capo visivo largo del radar in modalità doppia è possibile effettuare un rilevamento anticipato di pedoni e ciclisti. La telecamera ad alta risoluzione consente di individuare gli schemi di movimento di questi ultimi. La centralina di controllo effettua un monitoraggio e una valutazione continui del contesto di traffico.

    Il sistema di frenata automatica necessita sia dell'input del radar sia di quello della telecamera per confermare l'oggetto. Grazie all'avanzata tecnologia a sensori è quindi possibile applicare immediatamente l'intera forza frenante quando necessario. Questa tecnologia rileva anche i veicoli che viaggiano nella stessa corsia.

    Modifiche rilevanti per sei modelli

    Durante la conferenza stampa di Ginevra, Volvo ha presentato inoltre la sua nuova gamma di modelli, che include le nuove versioni dei modelli Volvo S60, V60, XC60, V70, XC70, S80 e la Volvo V60 ibrida plug-in.

    "Si tratta del più esteso intervento teso a migliorare i modelli esistenti mai intrapreso nella storia della nostra zienda. Ogni singola modifica è stata realizzata tenendo conto delle esigenze dei nostri clienti. Ci siamo concentrati in particolare sulla qualità e la cura dei dettagli per rendere più accattivanti questi modelli e aumentarne la competitività," ha commentato Doug Speck.

    Emissioni di CO2 pari a 88 g/km

    A Ginevra è stato inoltre dato l'annuncio che l'apprezzata nuova Volvo V40 è ora disponibile in una versione D2 con cambio manuale (115 CV) ed emissioni di CO2 ridotte a 88 g/km, il che si traduce in consumi pari a 3,4 l/100 km.

    "Riducendo il valore delle emissioni di CO2 di altri sei grammi per chilometro, siamo riusciti ancora una volta a confermare la nostra posizione di leadership nell'area dell'ottimizzazione dei consumi," ha concluso Doug Speck.

    Nel corso di una conferenza stampa tenutasi martedì nel contesto internazionale del Salone dell'Auto di Ginevra 2013, Doug Speck, Senior Vice President Marketing, Sales & Customer Service di Volvo, ha presentato un'altra anteprima tecnologica mondiale per la sicurezza automobilistica sviluppata da Volvo. La rivoluzionaria funzionalità - che rileva la presenza di ciclisti che sterzano all'improvviso davanti all'auto.

    Indietro