Design

L’arte sotterranea della metro di Stoccolma

La metropolitana della capitale svedese Stoccolma è molto più di un semplice mezzo di trasporto. Le sue spettacolari installazioni artistiche l’hanno trasformata nella più lunga galleria d’arte al mondo.

BY ANTHONY TEASDALE

Considerata ‘la più lunga galleria d’arte al mondo’, la Tunnelbana o T-bana ospita opere d’arte in 94 delle sue 100 stazioni, un’iniziativa che ha preso il via nel 1957. Ed è questo il motivo per cui una domenica mattina presto decidiamo di partire alla sua scoperta.

La Tunnelbana attualmente ha tre linee attive – la Rossa, la Verde e la Blu – che ogni giorno trasportano 900 000 persone attraverso la città. Tuttavia è lungo la linea Blu che si possono vedere gli scenari più spettacolari. Costruite a una profondità di 20-30 m sotto terra durante gli anni ’70 dello scorso secolo, tutte le stazioni, tranne una, mostrano parti della roccia in cui la metropolitana è stata scavata. Queste rappresentano delle tele incredibili sulle quali gli artisti possono lavorare. Poiché alloggiamo 50 km a nord di Stoccolma, iniziamo il nostro percorso a bordo della Volvo XC60, che ci porta fino alla prima fermata della linea Blu: Hjulsta. Rilassati dopo il nostro confortevole viaggio, parcheggiamo e ci dirigiamo verso la stazione.

La nostra prima destinazione sotterranea in realtà è quella più lontana: Kungsträdgården nel quartiere dello shopping Norrmalm. Aperta nel 1977, la stazione Kungsträdgården (letteralmente ‘il giardino del re’) è stata trasformata dall’artista Ulrik Samuelson in un Paese delle meraviglie sotterraneo con tesori, murales e sculture. Qui si possono trovare frammenti di molti edifici abbattuti durante la controversa opera di modernizzazione di Stoccolma negli anni ’60 e ’70 e vedute incredibili ovunque: dai resti delle colonne doriche che appartengono al Museo nazionale di belle arti svedese alle piastrelle multicolore che ricordano il Makalös Palace che un tempo sorgeva al di sopra di questa stazione.

Arte sotterranea nella metropolitana di Stoccolma
Arte sotterranea nella metropolitana di Stoccolma
Arte sotterranea nella metropolitana di Stoccolma
Arte sotterranea nella metropolitana di Stoccolma
La stazione Kungsträdgården della linea verde della T-Bana di Stoccolma

1/5

I muri con roccia a vista sono pitturati di colore verde vivace in alcune parti e ricoperti con motivi ad Arlecchino bianchi e neri in altre. È come tornare indietro agli anni ’70, ma senza basette e pantaloni a zampa d’elefante.

Marie Andersson, che lavora come guida della T-bana da 20 anni, nutre un amore particolare per questo luogo. «Secondo me Kungsträdgården è la stazione più spettacolare», afferma. «Qui si possono trovare arte, architettura, umorismo e storia, un intreccio di vicende passate e presenti del parco soprastante.»

A una fermata da Kungsträdgården si trova T-Centralen, la stazione centrale della rete metropolitana attraverso la quale passano tutte le linee. Questa si presenta in modo completamente diverso. L’artista Per Olov Ultvedt ha pitturato i muri di questa stazione di blu e bianco, raffigurando le sagome di alberi e dei lavoratori che hanno contribuito a costruire la T-bana. Lo spazio risulta così pervaso da una sensazione di quiete, soprattutto in una domenica mattina tranquilla come oggi. Per Marie Andersson è proprio questo il punto.

«La metropolitana è il luogo in cui la maggior parte delle persone è presente fisicamente, ma con la mente è altrove», spiega. «Con le mie guide voglio dare alle persone la possibilità di essere veramente presenti in questo ambiente normalissimo e di scoprire ciò che magari si sono lasciate sfuggire mentre stavano pensando a quale uscita prendere.»

Marie ha ragione. Percorrere la rete della metropolitana senza avere una meta precisa ci permette di apprezzare maggiormente ciò che ci circonda e di comprendere a fondo non solo l’arte ma la metropolitana stessa. Arrivati alla stazione Stadion sulla Linea Rossa, iniziamo immediatamente a esplorarla ammirando da ogni angolo i suoi muri di colore blu acceso e l’arcobaleno dipinto sul soffitto in commemorazione delle Olimpiadi che si sono svolte a Stoccolma nel 1912.

Con due milioni di persone che vivono oggigiorno nell’agglomerato di Stoccolma, la metropolitana continuerà a espandersi nel corso dei prossimi anni. La linea Blu sarà prolungata a entrambe le estremità e due nuove linee saranno costruite. E l’arte continuerà ad allietare le vite dei pendolari e dei turisti – un’installazione in continua crescita e accessibile a tutti.

Con questo pensiero concludiamo la nostra escursione dirigendoci al punto di partenza a Hjulsta. Ritornati al comfort della XC60 e allontanandoci da Stoccolma in direzione nord, proviamo una nuova piacevole sensazione verso l’automobile e la guida stessa. Ovviamente in questo caso abbiamo una meta, ma per il momento ci stiamo semplicemente spostando, ammirando la natura in continua trasformazione della campagna svedese. È questo il potere dell’arte.