Ambiente

Viaggia senza lasciare tracce

È vero che a volte ci lamentiamo del freddo in inverno, ma i paesaggi mozzafiato con la neve sono un bene incredibilmente prezioso. Non sarebbe splendido poterseli godere e al tempo stesso proteggerli?

 

Matt O'Leary

Viaggia senza lasciare tracce

La tutela dell’ambiente è un tema molto caro a noi di Volvo Cars. Produciamo vetture pensate per fronteggiare le sfide dei paesaggi nordici e costruite per essere forti, resistenti e sicure, in grado di sfidare le temperature più rigide, viaggiare tra la neve e avanzare con sicurezza anche su superfici ghiacciate e bagnate. Ma anche se queste auto sono progettate per un ambiente che può sembrare implacabile, la nostra preoccupazione principale è quella di rispettarlo e proteggerlo. Il clima può essere molto rigido, ma allo stesso tempo ci dona bellezza ed emozioni uniche.

Negli ultimi decenni la sostenibilità è diventata uno stile di vita. Acquistiamo auto, abbigliamento e cibo sostenibili e possiamo addirittura scegliere vacanze ecocompatibili. Viaggiare amplia l’orizzonte, e viaggiare in modo sostenibile preserva questo orizzonte per le generazioni future. Esplorare e godersi la neve, il freddo e ghiaccio durante una vacanza invernale è un privilegio che possiamo e dobbiamo preservare.

Immagina il piacere di trovarti in una vecchia e robusta baita ai margini di una foresta nordica, dove tutto è rivestito da una coltre silenziosa: osservi la neve che cade preparandoti ad affrontare una giornata intensa, ma con una sensazione di sicurezza, calore e comfort. Oggi è possibile concederti questo lusso e al tempo stesso fare in modo che le tue azioni contribuiscano a preservare lo stesso ambiente per le generazioni future. Il nostro modo di viaggiare sta cambiando. E noi, che desideriamo viaggiare in modo responsabile, dobbiamo puntare proprio su questo aspetto. Da dove iniziamo?

 

«I consumatori, soprattutto quelli più giovani, danno maggiore importanza alla sostenibilità.» Stuart Templar, Director of Sustainability di Volvo Cars.

 

Cos’è il lusso oggi

Ripensa agli anni ‘80, quando per molti la vacanza di lusso era sinonimo di tute sintetiche, grandi occhiali da sole, navi da crociera e Martini ghiacciati. Oggi invece tendiamo a preferire un vino biodinamico e un formaggio locale in un resort intimo e raffinato. Per noi, un’esperienza di alta qualità è sempre più collegata ai concetti di tutela e sostenibilità. Le persone lo confermano anche con il loro portafogli: un recente sondaggio di Nielsen ha rivelato che il 66% dei consumatori è disposto a pagare di più per prodotti sostenibili.

Una ventina di anni fa l’idea di vacanza ecocompatibile era un tantino noiosa: richiamava alla mente vestiti fatti a mano e l’odore di lenticchie sul fuoco. Ma con il tempo le cose sono molto cambiate. Hai mai trovato su una spiaggia il cartello «LEAVE ONLY FOOTPRINTS» (lascia solo impronte)? Quando l’ONU ha dichiarato il 2017 l’anno del turismo sostenibile per lo sviluppo, con la campagna #travelenjoyrespect ha trasmesso al mondo intero questo messaggio semplice e incisivo.

«I consumatori, soprattutto quelli più giovani, danno maggiore importanza alla sostenibilità», ha dichiarato Stuart Templar, Director of Sustainability di Volvo Cars. «La sostenibilità intrinseca dei prodotti e l’approccio di un’azienda nei confronti della sostenibilità indirizzano sempre più le decisioni dei consumatori. Noi di Volvo Cars ci sentiamo in grado di soddisfare queste nuove esigenze. Ci stiamo impegnando per ridurre le emissioni, impiegare più materiali sostenibili per produrre le nostre vetture e promuovere l’elettrificazione. Cerchiamo di ridurre al minimo il nostro impatto ambientale come azienda, perciò puntiamo a ottenere attività produttive clima-neutrali entro il 2025. Per noi la sostenibilità non è solo la giusta via, ma è anche importante dal punto di vista commerciale».

 

Sei trucchi per un viaggio ecocompatibile

Vuoi andare in vacanza con la tua Volvo? Oggi è più facile che mai fare un lungo viaggio in auto inquinando di meno.

Non solo campeggio

Certo, è importante avere buone intenzioni, ma è il risultato quello che conta, soprattutto quando si tratta di una meritata vacanza. Se pensi che conciliare vacanze e sostenibilità significhi solo bivaccare nei boschi e dormire in tenda al freddo non conosci le soluzioni più innovative oggi disponibili.

Ne è un esempio il Whitepod eco-hotel di Monthey, nel Canton Vallese. Una struttura di nuova costruzione con un design che ricorda le capsule spaziali e rispecchia chiaramente la sua vocazione all’ecoturismo. Il cibo, il riscaldamento, il design e il trasporto sono interamente progettati per minimizzare l’impatto sul paesaggio innevato circostante. Le capanne futuristiche chiamate «pod» sono riscaldate a pellet e sono raggiungibili esclusivamente a piedi, attraverso il bosco innevato e silenzioso: una passeggiata che consente di assaporare la bellezza del luogo.

Prenotare attraverso il gruppo di appassionati di sport invernali Mountain Riders ti consente di far sapere a chi condivide le tue stesse passioni se la loro meta preferita è soddisfacente sotto tutti i punti di vista. Quattro stazioni sciistiche francesi (tra cui la Vallée de Chamonix) hanno già conquistato il marchio green «flocon vert».

Al momento alcuni di questi luoghi hanno prezzi più alti della media. Certo, si ottiene un servizio all’altezza della spesa, ma a volte capita di volersi prendere una pausa invernale senza dover pagare il prezzo di una pista da sci privata. La buona notizia è che anche alcune delle risorse turistiche più abbordabili hanno posto l’accento sulla sostenibilità. Ad esempio, Tripadvisor ha lanciato il programma Eco Leader in tutta Europa, che riguarda l’intera gamma di strutture dai B&B agli hotel di lusso. Cerca gli Eco hotel e scegli una destinazione per scoprire quali strutture sono disponibili in zona.

 

Ecoturismo

Una cosa è trovare un alloggio sostenibile, un’altra è pensare all’abbigliamento e all’attrezzatura che usi per proteggerti da freddo e pioggia. Fortunatamente molti marchi di abbigliamento outdoor, come Houdini (leggi l’intervista alla pagina seguente) attribuiscono la massima priorità alla sostenibilità e all’ecocompatibilità. Pensando al turismo invernale, diversi produttori realizzano giacche e pantaloni con materiali isolanti sintetici ad alta prestazione al posto delle piume, o almeno usano piume completamente tracciabili, sottoprodotto del settore alimentare (programmi come «Track my Down» sono lo strumento ideale per scoprire di più sull’argomento).

Poi ovviamente devi pensare a spostarti da un posto all’altro. Chi vuole viaggiare in modo più responsabile ha a disposizione varie alternative. Spesso, motori o strumenti di ricerca come Momondo mettono in evidenza idee di viaggio e destinazioni ecocompatibili. Ma non è sufficiente: il fatto che il tuo hotel ricicli i rifiuti non significa che si possano trascurare altri aspetti del viaggio che incidono sull’ambiente. Per fortuna organizzazioni come Sustainable Travel International stanno collaborando con i tour operator per orientare gli sforzi sia sul versante dei mezzi di trasporto sia sulla percezione generale dell’ecoturismo. 

Volvo Cars si impegna per un trasporto meno inquinante e più sicuro. Ad esempio, stiamo lavorando per portare sulle strade un milione di auto elettriche entro il 2025 e vogliamo fare in modo che entro il 2020 nessuno perda la vita o rimanga gravemente ferito a bordo di una nuova Volvo. E se le persone si adopereranno attivamente per privilegiare soluzioni di trasporto più sostenibili, l’ecoturismo sarà ben presto la norma. Fino a quel momento, continua a scegliere la soluzione più ecologica per le tue vacanze invernali, così sarai sicuro di non lasciare sulla neve nessuna traccia dell’inquinamento.