News
  • Motore Volvo D5 ottimizzato con aumento della performance e consumi ridotti di carburante

    18.04.2011
    Motore Volvo D5 ottimizzato con aumento della performance e consumi ridotti di carburante

    Glattbrugg, 18 aprile 2011 – Le versioni perfezionate delle Volvo V70, XC70 e S80 sono le prime della gamma a sfoggiare varianti ottimizzate dei motori turbodiesel a cinque cilindri D5 e D3. Per quanto riguarda il D5, i progettisti di Volvo Cars hanno aumentato la performance e la coppia passando da 205 CV e 420 Nm a 215 CV e 440 Nn e riducendo al tempo stesso il consumo di carburante dell’8%. Questo significa che la Volvo S80 D5 con cambio manuale e start/stop ora consuma appena 4.9 l per 100 km (ciclo misto EU), il che corrisponde a 129 g/km di CO2.

     

    La costante ricerca di una migliore guidabilità accompagnata da consumi di carburante ridotti e un minor impatto ambientale ha portato i progettisti a concentrarsi più intensamente sull’attrito interno del motore. «Si tratta in realtà di tutta una serie di accorgimenti in svariate aree che assieme rendono l’auto più divertente da guidare e più parsimoniosa nei consumi. È una vera e propria scienza dei piccoli progressi incrementali. I motori sono già così altamente sofisticati che occorrono molte ore di manodopera per identificare e perfezionare i minuscoli dettagli in grado di renderli ancora più efficienti», afferma Derek Crabb, Vicepresidente della divisione Powertrain Engineering di Volvo Cars.

     

    I migliori della classe già nel 2008
    Con soluzioni avanzate come i due turbocompressori in serie, le candelette in ceramica e gli iniettori piezoelettrici del carburante, il nuovo turbodiesel D5 2.4 litri a cinque cilindri vantava le migliori cifre in termini di consumi nel proprio segmento quando è stato presentato sulla Volvo S60 nel 2008. E soprattutto, era il primo motore Euro 5 della propria classe. Quando è stato introdotto, il motore D5 ad alto rendimento offriva 205 CV e una coppia massima di 420 Nm.

     

    Tra le nuove caratteristiche spiccava la tecnologia sequenziale biturbo con due turbocompressori di dimensioni diverse che operavano in tandem per offrire ulteriore potenza a una gamma di regimi più ampia. Questa configurazione assicura una reazione scattante e un’accelerazione rapida e potente a tutti i regimi.

     

    Un’altra caratteristica innovativa era costituita dalla sofisticata tecnologia a iniezione diretta basata su iniettori piezoelettrici che consentiva una distribuzione estremamente precisa del carburante nella camera di combustione. Questa tecnologia assicura una combustione efficiente del carburante ed emissioni ridotte; allo stesso tempo, combinata a una combustione efficiente, produce un rombo piacevole del motore.

     

    Cilindrata inferiore e ciclo più breve per il D3
    Il D3 di media performance con 163 CV e 400 Nm di coppia è stato introdotto nel 2010 sulle Volvo S60 e V60. Fondamentalmente identico alla versione 2.4 litri, ha però un ciclo più breve che riduce la cilindrata a 2.0 litri. Il sistema di iniezione possiede lo stesso tipo di iniettori piezoelettrici montati sul D5, ma su misura per le sue dimensioni più compatte. Gli iniettori riducono la combustione in sequenze eccezionalmente rapide e precise con una pressione molto elevata. Ne risulta una combustione particolarmente efficace. Per conferire all’auto caratteristiche di guida ancora migliori, è stato utilizzato un turbocompressore a geometria variabile.

     

    Una serie di ottimizzazioni
    In coincidenza con le ultime migliorie apportate alle Volvo V70, XC70 e S80, vengono ora lanciate le versioni ottimizzate di entrambi i motori. Il motore D5 perfezionato offre ora 215 CV e una coppia massima di ben 440 Nm, mentre il D3 mantiene invariati i 163 CV e 400 Nm. Ciò nonostante, la guidabilità del diesel due litri è ora notevolmente migliorata grazie alla messa a punto del turbocompressore. Questo è un perfetto esempio che dimostra come oggi il miglioramento dell’efficienza nei moderni motori a combustione sia un’operazione a livelli microscopici.

     

    «Quando si comparano i moderni motori diesel, il valore di coppia è molto più interessante del numero di cavalli. È la coppia disponibile che fornisce al diesel la capacità di accelerazione e la potenza di guida che molti motori a benzina non sono in grado di offrire», spiega Derek Crabb.

     

    Le ottimizzazioni in sintesi
    Molte delle più recenti migliorie apportate ai motori sono presenti sia sul D5 che il D3:

    • Sia gli alberi a camme che le bielle sono stati ottimizzati in termini di peso, ovvero svolgono il proprio lavoro con la stessa efficienza ma con una quantità d’acciaio ridotta.
    • Le nuove fasce elastiche dei pistoni sono a basso attrito.
    • La pompa dell’olio è comandata da catena.
    • Con le valvole dei pistoni che si aprono solo a comando e non regolarmente è possibile ridurre i consumi.
    • La nuova pompa a vuoto è stata ottimizzata per interferire il meno possibile con il motore.
    • Il D5 è dotato dello stesso tipo di bielle più leggere che il D3 due litri montava quando è stato lanciato nel 2010.
    • Tutte le versioni manuali a sei marce sono anche dotate della funzione start/stop che spegne il motore quando l'auto è ferma.
    • Tutte le varianti sono anche disponibili con trasmissione automatica a sei rapporti.
    • Nell’autunno 2011 le Volvo S80 e V70 con motore D3 e trasmissione automatica saranno disponibili con la funzione start/stop.

     

    Consumo di carburante più ridotto
    Le migliorate caratteristiche di guida dei turbodiesel sono accompagnate da minori consumi di carburante per entrambi i motori. Il D5 ottimizzato, ad esempio, utilizza circa l’8% di diesel in meno rispetto al predecessore montato sulla S80 con cambio manuale. Questo significa che la Volvo S80 D5 con cambio manuale e start/stop ora consuma appena 4.9 l per 100 km (ciclo misto EU), pari a 129 g di CO2/km. Per la versione automatica i valori sono pari a 6.0l/100 km (158 g/km).

     

    Per una Volvo V70 i valori sono di 5.1 l/100 km (134 g/km) con cambio manuale e 6.2 l/100 km (164 g/km). Nella XC70 il consumo si attesta su 5.6 l/100 km (149 g/km) nella versione FWD con cambio manuale e 6.8 l/100 km (179 g/km) con trasmissione automatica.

     

    Per quanto riguarda il D3 con cambio manuale i valori sono di 4.9 l/100 km (129 g/km) per la Volvo S80, 5.2 l/100 km (137 g/km) per la Volvo V70 e 5,5 l/100 km (144 g/km) per la Volvo XC70 (versione DRIVe).

     

    Motore DRIVe con performance ottimizzate
    Il diesel 1.6 litri a quattro cilindri è ora disponibile in una variante Euro 5 con i cavalli di potenza che passano da 109 a 115, mentre la coppia rimane invariata a 270 Nm. Questo motore è montato sulle varianti DRIVe delle Volvo S80 e V70, entrambe con cambio manuale, funzione start/stop ed emissioni di CO2 pari a 119 g/km.

     

    Motore 1.6 litri nella versione FlexiFuel
    La Volvo S80 che la Volvo V70 possono anche essere dotate di motore 1.6 litri nella versione FlexiFuel con alimentazione a etanolo. Gli acquirenti possono scegliere tra trasmissione Powershift e cambio manuale.

    Le versioni perfezionate delle Volvo V70, XC70 e S80 sono le prime della gamma a sfoggiare varianti ottimizzate dei motori turbodiesel a cinque cilindri D5 e D3.
    Indietro