News
  • La Volvo V60 ibrida “plug-in”: tre auto in una - Volvo Cars pioniera negli ibridi di nuova generazione

    21.02.2011
    La Volvo V60 ibrida “plug-in”: tre auto in una - Volvo Cars pioniera negli ibridi di nuova generazione

    Geneva Motorshow 2011 – Riunire le migliori caratteristiche di tre diversi tipi di auto in un’unica, accattivante station wagon sportiva? Ora è possibile. Il conducente ha infatti la possibilità di scegliere quale vettura guidare premendo semplicemente un pulsante: un’auto elettrica dotata di un’autonomia fino a 50 chilometri un’ibrida ad alta efficienza con una media di emissioni di biossido di carbonio pari a soli 49 g/km un’auto brillante che regala grande piacere di guida ed eroga una potenza combinata di 215+70 CV e una coppia massima di 440+200 Nm, accelerando da 0 a 100 km/h in soli 6,9 secondi. Ecco a voi la prima ibrida plug-in diesel al mondo, la Volvo V60 ibrida plug-in, che arriverà negli showroom nel 2012.

     

    «Questo ibrido di seconda generazione è la scelta perfetta per un acquirente che non scende a compromessi e desidera una vettura con consumi di biossido di carbonio straordinariamente bassi senza tuttavia rinunciare al piacere di guida», dichiara Stefan Jacoby, presidente e CEO di Volvo Cars. «La tecnologia è ancora in fase di test e sviluppo. Tuttavia, i nostri clienti possono già capire chiaramente cosa aspettarsi quando l’ibrida plug-in  arriverà nei saloni il prossimo anno».

     

    Le ruote anteriori della V60 ibrida plug-in saranno azionate da un turbodiesel D5 2.4 litri a cinque cilindri che eroga 215 CV di potenza e una coppia massima di 440 Nm. L’asse posteriore è dotato del sistema ERAD (Electric Rear Axle Drive) sottoforma di un motore elettrico in grado di erogare 70 CV, alimentato da una batteria agli ioni di litio da 12 kWh. L’auto monta una trasmissione automatica a sei rapporti. Il conducente può scegliere la modalità di guida che preferisce premendo uno dei tre pulsanti collocati sulla plancia dei comandi: Pure, Hybrid e Power. L’interazione tra il motore diesel e quello elettrico è gestita da un sistema di controllo.

     

    «Per indurre i veri appassionati di automobili ad assumere un atteggiamento ecologista, bisogna offrire loro la possibilità di guidare producendo basse emissioni di biossido di carbonio, senza tuttavia privarli di quello slancio adrenalinico che alimenta il vero piacere di guida. La V60 ibrida plug-in possiede tutte le caratteristiche tradizionali di una vera station wagon sportiva. Noi l’abbiamo resa più intrigante con una tecnologia all’avanguardia che consente al conducente di scegliere tra emissioni zero, ibrido ad alta efficienza o prestazioni complete, semplicemente selezionando la modalità che più lo rispecchia», spiega Stefan Jacoby.

     

    Tre diversi temperamenti
    Le modalità di guida Pure, Hybrid e Power rivelano i tre diversi caratteri della Volvo V60 ibrida plug-in:

    • In modalità Pure la vettura sfrutta il più possibile il motore elettrico. Se la batteria è stata ricaricata utilizzando fonti rinnovabili, l’autonomia di guida può raggiungere i 50 km con emissioni zero di biossido di carbonio. L’autonomia della batteria può variare in base a terreno, clima e stile di guida.
    • La Hybrid è la modalità di default all’avvio del motore. Il motore diesel e quello elettrico interagiscono per fornire un equilibrio ottimale tra piacere di guida e basso impatto sull’ambiente. Le emissioni di CO2 (ciclo combinato UE) sono pari a 49 g/km, con un consumo di diesel pari a 1,9 l/100 km. L’autonomia totale della vettura può raggiungere i 1200 km.
    • Nella modalità Power la tecnologia è stata ottimizzata per offrire le migliori prestazioni possibili. Il motore diesel e quello elettrico erogano una potenza combinata di 215 + 70 CV e una coppia massima di 440 + 200 Nm. L’erogazione di coppia fulminea del motore elettrico contribuisce a far accelerare la vettura da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi.

     

    La maggior parte dei guidatori europei percorre un tragitto inferiore ai 50 km al giorno, ad esempio dalla propria abitazione al luogo di lavoro e viceversa. Nei tragitti più lunghi, il motore diesel si attiva automaticamente, conferendo alla vettura le stesse caratteristiche e la stessa autonomia di un ibrido convenzionale.

     

    Opportunità e vantaggi aggiuntivi
    Oltre a queste tre modalità di guida, la V60 ibrida plug-in presenta numerose altre opportunità e vantaggi: il conducente può decidere di risparmiare la capacità della batteria per sfruttarla successivamente, ad esempio all’interno dei centri urbani. Per mantenere un livello di carica sufficiente della batteria, la vettura è alimentata dal motore diesel.

     

    Premendo il pulsante AWD sulla console centrale, si attiva la guida elettrica a trazione integrale. Al posto della trasmissione meccanica di potenza del sistema AWD convenzionale, l’unità di controllo centrale gestisce l’erogazione di coppia alle ruote anteriori alimentate a diesel e all’asse posteriore elettrico. Attraverso il menu di configurazione, il conducente può inserire la distanza prevista per l’itinerario (breve, media o lunga). Il sistema di controllo calcola il mix più equilibrato tra diesel ed elettricità, in modo da ridurre al minimo le emissioni di CO2 per la distanza impostata.

     

    Ricarica da casa
    La Volvo V60 ibrida plug-in può essere ricaricata tramite una normale presa di corrente (230V/6A, 10A o 16A) presso la propria abitazione o in un parcheggio. Il tempo di ricarica dipende dal tipo di corrente: una ricarica completa con una corrente da 10A richiede 4,5 ore. I tempi si riducono a 3 ore con una corrente da 16A e si dilatano fino a 7,5 ore con una presa da 6A. Per iniziare comodamente il viaggio, il conducente ha la possibilità di preriscaldare o rinfrescare il vano passeggeri durante il processo di ricarica. In questo modo, si può contare su una maggiore capacità della batteria per alimentare successivamente la vettura. Il precondizionamento può essere programmato attraverso un timer integrato nel menu di configurazione della vettura o in remoto mediante telefono cellulare.

     

    Speciale verniciatura bianca
    La Volvo V60 ibrida plug-in presenta una speciale verniciatura bianca realizzata da Dupont. Anche gli interni sono caratterizzati da numerosi dettagli e colori esclusivi che si differenziano dalla V60 standard, come ad esempio i rivestimenti in pelle realizzati da Elmo. Gli esterni presentano vari elementi aggiuntivi che sottolineano il profilo ecologico della vettura, come ad esempio le ruote leggere con resistenza aerodinamica ridotta e i pneumatici Pirelli realizzati in modo da garantire una bassa resistenza al rotolamento.

     

    La plancia di comando della Volvo V60 ibrida plug-in è stata modificata per fornire al conducente importanti informazioni sul consumo di diesel ed elettricità, sul livello di carica della batteria, sull’autonomia residua, ecc. Sarà inoltre possibile comunicare con la vettura attraverso un’applicazione mobile, che consentirà al conducente di accedere a diverse funzioni intelligenti: ad esempio un promemoria che ricorda di collegare il cavo di carica, se ciò non è stato fatto entro il momento predefinito.

     

    Tecnologie verdi all’avanguardia
    «Volvo Cars è stata la prima casa automobilistica a introdurre tecnologie verdi all’avanguardia. Ad esempio, abbiamo inventato il convertitore catalitico con sonda lambda, un sistema di cui oggi tutte le auto sono dotate. Gli ultimi sviluppi confermano ancora una volta la nostra leadership in campo ambientale, essendo i primi a commercializzare la tecnologia ibrida secondo una dimensione totalmente nuova», dice Stefan Jacoby e aggiunge: «La collaborazione con Vattenfall per la fornitura di energia elettrica rafforza ulteriormente la nostra posizione. Ci consente infatti di seguire dall’interno gli sviluppi di questo settore e di parteciparvi attivamente, ad esempio in materia di elettricità pulita e infrastrutture. Quando la nostra ibrida plug-in sarà prodotta in serie, offriremo ai nostri clienti anche un contratto di fornitura di elettricità clima-neutrale».

    Geneva Motorshow 2011 – Riunire le migliori caratteristiche di tre diversi tipi di auto in un’unica, accattivante station wagon sportiva?
    Indietro