Lifestyle

Un mezzo di congiunzione unico

In passato, invece, era molto più difficile mantenere un legame tra le persone. Ci volevano ingegnosità, audacia e tantissima manodopera. Ma i risultati erano spesso spettacolari e duraturi. Abbandona insieme a noi le quattro ruote per le due e vieni a conoscere il mezzo più antico e complesso per mantenere in contatto le persone: il canale di Göta. 

1/2

Come avvicinare gli svedesi

500 anni fa, un vescovo svedese di nome Hans Brask propose di costruire un canale attraverso la Svezia che collegasse Göteborg a ovest a Stoccolma a est. Questa complessa via d'acqua non solo avrebbe aperto nuove preziose rotte commerciali attraverso il Paese, ma avrebbe anche aiutato gli abitanti delle diverse regioni svedesi a sentirsi più vicini gli uni agli altri.
 
Costruito tra il 1810 e il 1832, il canale di Göta fu uno dei più grandi progetti di ingegneria civile mai intrapresi in Svezia. Quando fu portato a termine misurava 190 km e richiese l'intervento di 60 000 intrepide anime che riuscirono incredibilmente a scavare ben 87 km di canale a mano! Non stupisce dunque che questo capolavoro di ingegneria realizzato dall'uomo sia stato dichiarato la costruzione svedese del millennio. Per tutto il XIX secolo, il canale di Göta continuò a essere un'importante via del commercio. Oggi, invece, è meglio conosciuto come una delle più popolari attrazioni turistiche. E uno dei modi migliori per scoprire le sue pittoresche anse non è con un timone tra le mani, ma in sella a una bicicletta. 

Trova la tua rotta

Dopo aver parcheggiato l'auto e aver smontato le biciclette dai loro supporti, è tempo di cambiare marcia e lasciarsi alle spalle il mondo motorizzato per un po'. Lungo le sponde del canale di Göta si snodano 87 km di antichi cammini di alaggio, che oggigiorno rappresentano la scelta ideale per una tranquilla giornata in bicicletta, senza alcuna preoccupazione e nessuna automobile di intralcio. Lungo il canale troverai aree picnic, caffè, progetti artistici, edifici d'epoca e monumenti storici. Ma l'attrazione principale è il canale stesso insieme alla spettacolare campagna svedese che lo circonda. A questo punto non ci resta che partire e ammirare alcune delle attrazioni presenti lungo il percorso. 

Sjötorp

Questo pittoresco porticciolo è situato nei pressi di un'idilliaca spiaggia che lo rende il luogo ideale per concedersi una breve sosta e immergersi in questa speciale atmosfera e nel fascino dei dintorni. Qui gli appassionati di storia possono ammirare un tavolo di pietra sul quale si narra che, il 23 settembre 1822, Carlo XIV Giovanni, re di Norvegia e Svezia, abbia celebrato l'inaugurazione della sezione ovest del canale con una veloce colazione. 

Per un ulteriore assaggio di storia, qualche chiusa più avanti, ti attende la casa in pietra di un guardiano di chiuse datata 1810 circa. Qui si trova anche una grande pietra runica, simile nella forma a un arbusto di ginepro e risalente a oltre mille anni fa. La sensazione di essere sempre circondati da monumenti storici appartenenti al passato della Svezia è uno degli aspetti unici di questo viaggio lungo il canale di Göta.  

Nel 2007, in occasione dell'anniversario dei 175 anni del canale, a Sjötorp è stata inaugurata una grande scultura dell'artista Bengt Olson chiamata ‘Vattentrappa’ (gradini in acqua). Si tratta di un tributo alle persone che hanno scavato il canale di Göta tra il 1810 e il 1832. 

Töreboda

Una delle prossime tappe lungo il percorso è la cittadina di Töreboda, alla quale si accede tramite la marina dove si trovano un campeggio con bungalow di legno e una piscina scoperta. Da Töreboda puoi continuare il tuo giro sul Lina, il più piccolo traghetto della Svezia, nato come passatempo di un macchinista in pensione che trasportava passeggeri avanti e indietro a bordo di uno schifo (piccola barca a remi tipicamente concepita per una sola persona). Negli anni '40 dello scorso secolo, la comunità di Töreboda ha preso in carico la gestione del traghetto e preservato questo speciale mezzo di trasporto pubblico come affascinante omaggio al passato.
 
Dopo Töreboda puoi attraversare il canale sul ponte mobile di Rotkilen. Da qui ti attendono 5 km da percorrere in sella alla tua bici in tutta calma e tranquillità attraverso un incantevole paesaggio bucolico, prima di raggiungere il prossimo ponte a Jonsboda. 

 

 

Vassbacken

Dopo Jonsboda arrivi a Vassbacken, una vera e propria oasi nel cuore della campagna. Un tempo era un importante centro di trasbordo, oggi vi si possono trovare un caffè, un campeggio e un ostello. La vecchia stazione di posta a Vassbacken è stata trasformata in un piccolo museo gestito dall'associazione di storia locale. 

Fine del viaggio

Dopo Vassbacken restano 5 km prima di raggiungere Tåtorp, la tappa finale dell'itinerario. Il tratto conclusivo del percorso è piuttosto diverso da tutto ciò che hai visto finora in questo viaggio. Il paesaggio è caratterizzato da boschi rigogliosi e colline dal profilo ondulato, alte felci fiancheggiano gli argini del canale e mirtilli neri e rossi sono presenti in abbondanza. 

In qualsiasi momento durante il tuo viaggio potresti avere la fortuna di vedere una delle tre grandi navi bianche che solcano il canale nel tratto tra Stoccolma e Göteborg. Queste tre imbarcazioni – M/S Juno, Wilhelm e Diana – furono costruite specificatamente per la navigazione lungo il canale di Göta e la più vecchia risale al 1874. Tutte e tre sono state riconosciute come monumenti storici, quindi tieni gli occhi ben aperti perché potresti trovarti ad ammirare un pezzo di storia nautica svedese.
                  
Il canale di Göta è un modo semplicemente unico di vivere la Svezia e l'estate svedese. Tutto ciò che ti occorre è una Volvo, una bici, un portabiciclette e senso dell'avventura. 
Buona pedalata! 

 

 

I portabiciclette di Volvo Cars

Portarsi dietro una bicicletta può aggiungere una dimensione completamente nuova a un viaggio in auto o a una vacanza in famiglia. E con il crescente interesse delle persone per la bicicletta e la grande passione per i percorsi lontano dalle strade, cresce anche il bisogno di portabiciclette che possano portare te e la tua bici in qualunque luogo, in modo sicuro e senza rinunciare all'eleganza.

Portabiciclette, montato sul gancio di traino, 2 biciclette

Questo moderno portabiciclette montato sul gancio di traino è studiato per trasportare due biciclette in modo sicuro. La bassa altezza di carico semplifica l'operazione di carico delle biciclette, mentre la funzione di inclinazione comandata a pedale consente di accedere al vano bagagli anche quando le biciclette sono montate. Il portabiciclette è dotato anche di una funzione di bloccaggio doppia che prima fissa le biciclette al portabiciclette e poi quest'ultimo all'automobile. Volvo Cars offre anche un portabiciclette montato sul gancio di traino in grado di trasportare 3-4 biciclette.

Portabiciclette, montato sul gancio di traino per biciclette elettriche

Questo portabiciclette è stato progettato appositamente per trasportare con facilità le biciclette elettriche. Viene 
fornito con un'intelligente funzione di inclinazione comandata a pedale che permette di ripiegare facilmente il portabiciclette quando si deve aprire il bagagliaio. Il portabiciclette può essere munito anche di una rampa staccabile che facilita il carico e lo scarico di pesanti biciclette elettriche.

Portabiciclette, montato su telaio, alluminio

Questo portabiciclette in alluminio montato su telaio presenta una linea moderna e dinamica. Quando la bicicletta è fissata nel dispositivo, i supporti del telaio e delle ruote ne regolano automaticamente la posizione. Un robusto rampino garantisce inoltre che la bicicletta rimanga stabilmente fissata in sede, mentre la morbida imbottitura riduce il rischio di danni al telaio. Le operazioni di bloccaggio e regolazione sono effettuate a una comoda altezza a livello del tetto dell'auto, mentre la funzione di bloccaggio doppia fissa sia le biciclette sia il portabiciclette all'automobile.