News & eventi
  • Volvo al Circolo Canottieri Aniene. Volvo Ocean Race, la regata più impegnativa al mondo, è in linea con i valori di Volvo: Sicurezza, Ambiente e centralità dell’Uomo

    28/05/2014

    Quando la quinta edizione della regata targata Volvo prenderà il via, nel mese di Ottobre ad Alicante, in Spagna, gli equipaggi in gara salperanno per un’avventura lunga nove mesi che li porterà a compiere il giro del mondo attraversando alcune delle aree più infide e pericolose del pianeta. In effetti, la Volvo Ocean Race è un mix ineguagliabile di prestazione sportiva assoluta e di esperienza estrema, una miscela unica di abilità e di resistenza portate ai limiti delle capacità umane e di glamour generato dagli stop-over nei porti.
    Lo straordinario spirito di squadra indispensabile per superare le prove, al tempo stesso la necessità di una leadership forte a bordo e l’attenzione assoluta a Sicurezza e Ambiente che caratterizzano la gare costituiscono un riscontro perfetto a quanto Volvo richiede nel momento in cui decide di sposare una disciplina sportiva.

    “Con la Volvo Ocean Race abbiamo una fantastica opportunità di rafforzare il nostro marchio”, spiega Karin Bäcklund, Direttore Commerciale di Volvo Ocean Race. Che aggiunge: “Ci consente di sottolinearne caratteristiche specifiche come la centralità dell’Uomo inteso come persona, o l’importanza del Design, per non dire delle prestazioni dinamiche o della tecnologia innovativa e d’avanguardia al servizio dell’utilizzatore, tutti elementi che ritroviamo nell’azione di Volvo inteso come costruttore di automobili. Questo grande evento ci dà la possibilità di far evolvere la percezione del nostro brand aggiungendo emozionalità e costruendo apprezzamento e considerazione da parte del pubblico in proiezione futura.”

    La regata più affascinante e impegnativa del mondo viene celebrata da autentici uomini di mare in una sorta di “tappa virtuale” nella cornice del Circolo Canottieri Aniene, dove la vela d’altura vive un momento di grandi successi sportivi e umani.
    Knut Frostad, CEO di Volvo Ocean Race, e Carlo Croce, Presidente dell’International Sailing Federation e della Federazione Italiana Vela, insieme ai rappresentanti delle Aziende Persico Marine, Cariboni, Gottifredi-Maffioli, Harken e Alvimedica, si sono dati appuntamento oggi presso il club sportivo più prestigioso della capitale, ospiti del Presidente Giovanni Malagò, per annunciare agli appassionati italiani l’edizione 2014 della prestigiosa regata transoceanica targata Volvo.

    L’iniziativa, promossa da Volvo Car Italia, è stata voluta per dare il giusto rilievo a quelle realtà attive sul nostro territorio che in virtù del loro know-how specialistico stanno fornendo la tecnologia necessaria alla realizzazione dei monotipi VO65, gli scafi con i quali verranno disputate le due prossime due edizioni della Volvo Ocean Race. Molte le personalità di spicco del mondo della Vela e dello Sport nazionale e internazionale presenti per l’occasione.

    “Si tratta di un’opportunità straordinaria per far capire quanto alto sia il valore dell’imprenditoria Italiana”, sottolinea Michele Crisci, Presidente Volvo Car Italia. ”In un momento non certo facile per il nostro Paese, si tratta di esempi da seguire e illustrare. Per noi è importante che un evento di prestigio e di rilevanza globale come Volvo Ocean Race, in virtù della sua enorme portata mediatica, parli anche italiano e non solo sul piano agonistico. Voglio aggiungere che il luogo scelto per l’incontro, il Circolo Canottieri Aniene, rappresenta come pochi altri in Italia quel concetto di prestigio e di premiumness che Volvo interpreta con le proprie automobili.”

    La prestigiosa tradizione velica del nostro Paese e la competenza specifica che viene con essa reciteranno dunque un ruolo di primissimo piano nella prossima edizione della Volvo Ocean Race, a dispetto del fatto che la competizione non presenti un equipaggio italiano o uno stop-over in un porto italiano. I tanti appassionati di vela del nostro Paese potranno comunque avere validi motivi per seguire con grande attenzione la gara; e l’appuntamento romano con la presenza dei vertici di Volvo Ocean Race testimonia in maniera evidente l’attenzione riservata da Volvo al pubblico italiano e l’impegno a far sì che anche nel nostro Paese sempre più persone si appassionino alle vicende della Volvo Ocean Race.

    Circolo Canottieri Aniene, una storia di prestigio a favore dello Sport
    Il Circolo Canottieri Aniene, luogo che ospita l’anteprima italiana della Volvo Ocean Race, costituisce una delle realtà di maggior prestigio nel panorama sportivo italiano e internazionale e testimonia del legame indissolubile e affascinante tra la città di Roma e il suo fiume.
    Il circolo fu fondato nel 1892 da Alessandro Morani e dai fratelli Fasoli. Lo storico equipaggio del primo quattro jole, denominato “Rugantino” raccolse i primi allori facendo crescere rapidamente la considerazione del Circolo Canottieri Aniene a Roma ed in tutto il nostro Paese. Nel canottaggio ai successi degli anni ’30 e ’40 ottenuti da atleti come Antonio Ghiardello, Giliante D’Este, Francesco Cossu e Antonio Provenzani, vincitori di medaglie alle Olimpiadi di Los Angeles del ’34 unitamente a Romolo Catasta medaglia di bronzo nelle Olimpiadi di Londra del ’48, è seguito un periodo di continue affermazioni. Verso gli anni ’50 il Circolo fece una scelta decisiva per il proprio futuro e pose le basi per la realizzazione del complesso che ne costituisce oggi la sede. Con il nuovo corso, al canottaggio si affiancarono altre discipline come tennis, calcetto, canoa, nuoto e vela d’altura. A tal proposito, il palmares del team velico del Circolo Canottieri Aniene, conta, tra gli altri, il titolo di vice campione del mondo nel 2013, di campione Europeo nel 2012, di campione italiano 2011 e 2012, e sempre nel 2012 il titolo di Campione Italiano Offshore FIV.
    Importante segnalare la sensibilità che il Circolo Canottieri Aniene ha sempre manifestato rispetto alla necessità di divulgare e incentivare la disciplina sportiva presso i giovani come elemento fondamentale per una crescita sana. In tal senso, la comunanza di valori rispetto a Volvo è evidente sul piano della responsabilità sociale della propria azione.
    Non a caso, a riconoscimento di questo costante impegno, su proposta del CONI nel 2002 il Circolo Canottieri Aniene fu insignito – primo e unico Circolo Sportivo a ottenere tale riconoscimento – con il Collare d’Oro, massima onorificenza in campo sportivo del nostro Paese.

    Volvo e lo Sport più che mai insieme
    L’incontro presso il Circolo Canottieri Aniene non fa che consolidare il legame che esiste fra Volvo e lo Sport ad alto livello. A partire da Volvo Ocean Race, appuntamento di riferimento del mondo della vela a livello mondiale, per continuare con il Golf al massimo livello e arrivare a esperienze su base nazionale, Volvo trova nel mondo dello Sport un terreno fertile nel quale coltivare e far crescere i propri valori fondamentali. Da citare, come esempio significativo, il circuito golfistico articolato su 23 tappe con finale nazionale prevista nel mese di Ottobre, che costituisce tradizionalmente un punto di riferimento per tutti gli appassionati di golf del nostro Paese.
    Volvo si è sempre legata a esempi di sportività positiva, di serietà nell’impegno, di qualità e di successo; tutti elementi che si ritrovano anche nella filosofia e nell’azione quotidiana di Volvo.

    La Volvo Ocean Race in pillole
    La prossima edizione della Volvo Ocean Race sarà la dodicesima della storia quarantennale della regata, che prese il via nel 1973 con il nome di Whitbread Round the World Race.
    La regata partirà il 4 ottobre 2014, data della prima In-Port Race ad Alicante, in Spagna e finirà con la disputa dell'ultima In-Port Race il 27 giugno 2015 a Goteborg, in Svezia, dove ha sede anche il gruppo Volvo.
    La rotta completa, lunga 38.739 miglia, toccherà le località di Città del Capo (Sud Africa), Abu Dhabi (EAU), Sanya (Cina), Auckland (Nuova Zelanda), Itajaí (Brasile), Newport, Rhode Island (USA), Lisbon (Portogallo) e Lorient (Francia). Il programma prevede anche un pit-stop di 24 ore nel porto olandese dell'Aja, durante l'ultima tappa dalla Francia alla Svezia.
    Le prossime due edizioni della regata si correranno con nuove barche ad alte prestazioni, i monotipo Volvo Ocean 65, progettati dallo studio Farr Yacht Design e costruiti da un consorzio di cantieri nel Regno Unito, in Francia, Italia e Svizzera. La barca è equipaggiata con le più moderne attrezzature per la produzione e la comunicazione satellitare di contenuti multimediali per migliorare ancor più il programma degli Onboard Reporter, lanciato nell'edizione 2008/09.
    Sono cinque a oggi i team iscritti alla Volvo Ocean Race 2014/15. Altri equipaggi sono attesi nei prossimi mesi.
    La scorsa edizione della Volvo Ocean Race è stata vinta dai francesi di Groupama Sailing Team, con skipper Franck Cammas a Galway.

    Fin dall’origine di Volvo, nel 1927, la Sicurezza è stato il valore principale associato al marchio. E proprio la Sicurezza è la principale linea guida nelle scelte relative alla Volvo Ocean Race. Lo dimostrano gli equipaggiamenti di sicurezza all’avanguardia delle imbarcazioni e la tecnologia di comunicazione che mantiene gli equipaggi in regata in contatto costante con l’organizzazione. E dal punto di vista degli atleti in gara, il training di preparazione prima di essere ammessi alla competizione è rigoroso. La prestazione portata all’estremo esalta, dunque, le caratteristiche dell’atleta e quindi mette in primo piano l’Uomo. Quanto al rispetto per l’Ambiente, la navigazione a vela è la scelta ideale dato che impiega la fonte di energia più pulita: il vento
    Indietro